Home

Spiaggia attrezzata per disabili, è il “Mare per Tutti”

Visite: 8046
dimensioni testo

Spiaggia attrezzata per disabili, è il “Mare per Tutti”

Nel quartiere Ghiaia è in funzione sull’arenile il servizio per il sesto anno: pedana, lettini, ombrelloni e facilità di movimento” 

A partire dalla seconda settimana di Giugno anche per quest’anno Santa si dota di una spiaggia libera attrezzata per disabili nel quartiere di Ghiaia; l’apertura è possibile anche grazie al contributo concesso dal Comune di Santa Margherita Ligure, contributo che però, a causa della crisi economica che ha colpito tutti i settori, non è sufficiente a soddisfare le esigenze del nostro progetto. Per questo motivo ci vediamo costretti a chiedere l’aiuto di tutti attraverso offerte e oblazioni, al fine di portare avanti un servizio considerato da tutti “fiore all’occhiello” di Santa Margherita.

L’iniziativa ha per titolo “Mare per Tutti”, e l’obbiettivo dell’Associazione Paratetraplegici Liguria Onlus è di replicare e, perché no, ampliare i risultati degli anni passati,  dando la possibilità a sempre più persone di usufruire del servizio.

Nel corso degli anni “la clientela” si è ampliata e diversificata dimostrando sempre più che quanto è considerato per “disabili” non sempre va riservato a loro esclusivo utilizzo per il semplice motivo che anche gli anziani o le mamme con i passeggini hanno spesso le stesse difficoltà ad affrontare asperità del terreno e barriere architettoniche naturali ed/o artificiali. Ecco perché “Mare per tutti”: presso questa porzione di spiaggia le difficoltà sopracitate vengono eliminate e così chiunque può godersi una giornata al mare, fare un bagno o anche stare sotto l’ombrellone per un po’ di frescura, con la costante presenza di personale qualificato per permettere un corretto utilizzo delle attrezzature ed aiutare chi ne ha bisogno.

 

Per dovere di cronaca facciamo una breve cronistoria dell’iniziativa:

Il progetto è cominciato nel “lontano” 2006 quando, in collaborazione col Comune, abbiamo avviati il progetto, anche se per quell’anno fu una cosa sperimentale e durò solo venti giorni, con le poche attrezzature che avevamo.

L’anno successivo, il 2007, fu quello della svolta, grazie ad un cospicuo contributo della fondazione Carige e, sempre in collaborazione con l’amministrazione, il 9 Giugno si aprì la prima stagione balneare con tutte le attrezzature necessarie. Ossia un’ampia  pedana in pvc, con annessa passerella che arriva fino alla battigia, in modo da permettere a chiunque abbia difficoltà motorie di ogni genere di accedere alla spiaggia (comprese le mamme con i passeggini o, com’è capitato, qualche giovane infortunato), un’ampia cabina spogliatoio di 2.5 × 3 metri, un grande ombrellone e quattro lettini per prendere il sole, nonché due speciali carrozzine per fare il bagno di due modelli diversi secondo le esigenze, ed infine la costante presenza di personale appositamente formato per fornire l’assistenza di base agli ospiti ed aiutarli nell’utilizzo delle attrezzature.

Superando le nostre aspettative, come primo anno ci furono 250 ingressi di “aventi diritto” ossia persone con difficoltà motorie di vario genere ma anche mamme con bimbi piccoli o persone anziane, nel pieno rispetto dell’intento iniziale del progetto, ossia permettere a tutti di usufruire del nostro splendido litorale con un servizio costante, puntuale e gratuito – concludono dall’Associazione Paratetraplegici Liguria Onlus – Questo è stato l’inizio, poi l’anno scorso siamo riusciti ad ampliare la zona coperta dalla pedana, a comprare altri quattro lettini per prendere il sole (questi ultimi sono specifici per le persone in carrozzina perché sono alti 50 cm da terra in modo da facilitare il passaggio dalla carrozzina), tre sedie, un altro ombrellone e,grazie al dono dell’Associazione San Marino de Porres, un’altra carrozzina per fare il bagno, oltre a mantenere il servizio di assistenza grazie ad un contributo dell’amministrazione comunale.

Per citare qualche numero, possiamo dire che lo scorso anno abbiamo sfiorato i 2400 ingressi, senza contare che tutti i bagnanti apprezzano la possibilità di uscire dall’acqua approfittando della pedana.

Nel 2010, grazie al contributo di un privato (che non smetteremo mai di ringraziare) è stata aggiunta una seconda cabina spogliatoio, sempre di una misura adeguata ad ospitare anche chi necessita di aiuto, è stata ampliata ancora la pedana in pvc e sono stati aggiunti lettini ed ombrelloni, e così grazie alla migliore delle pubblicità, il “passaparola” abbiamo superato i 2000 ingressi nell’arco dei tre mesi di apertura.”

Per il nuovo anno la pedana è stata ulteriormente ampliata e sono state acquistate nuove attrezzature per poter ospitare ancora più persone mantenendo le comunque le caratteristiche degli anni passati, ossia totale gratuità del servizio e costante presenza di personale appositamente formato. Ora non resta che sperare in una stagione favorevole per quanto riguarda il clima e ringraziare infinitamente lo sponsor che ci ha permesso ancora una volta di andare avanti con il nostro progetto.